Una disputa europea sul Bianco

Il Monte BiancoIl mio amico parlamentare europeo Niccolò Rinaldi, che è un buon alpinista che di recente è salito sul Monte Bianco, dopo la sua performance, ha deciso di porre un problema politico in un'interrogazione scritta rivolta alla Commissione europea.
Scrive Rinaldi: "La vetta del Monte Bianco è ancora oggetto di un conflitto tra Italia e Francia su a chi appartenga questa vetta. Secondo l'Italia, il confine fra i due Stati passa sul crinale della vetta, in virtù del trattato bilaterale del 1861, sospeso solo temporaneamente durante la seconda guerra mondiale. Secondo la Francia, non solo la vetta ma anche l'intero colle sommitale, fa parte del territorio francese".
In un'interrogazione parlamentare che presentai sul tema alla Camera nel 1999, il sottosegretario agli Affari esteri Umberto Ranieri rispondeva che il problema non appariva ancora risolto, anche se veniva specificato che «nessuno vuole trasformare questo problema in una disputa territoriale anacronistica» e che «l'ambiente dei lavori in seno alla Commissione mista è estremamente amicale ed ispirata dalla massima volontà di collaborazione reciproca».
In realtà ogni sforzo di trovare una mediazione, che si scoprì non riguardare solo la vetta, è finita con un nulla di fatto a livello diplomatico e dunque fa bene oggi Rinaldi a chiedere che cosa ne pensi l'Unione europea, sapendo che in effetti ormai - in una logica europeistica - certe dispute territoriali sono insensate, ma sapere chi è responsabile di cosa non è banale, come può essere nelle diverse materie di protezione civile.
Ora leggeremo la risposta dell'Europa, possibile ago della bilancia della disputa fra i due Stati. Io, dalla lettura dei Trattati e dallo sguardo alle carte (grazie allo straordinario lavoro di Laura e Giorgio Aliprandi), penso che la vetta sia valdostana (pardon, italiana).

Commenti

I francesi...

sono convinti che la sommità del Monte Bianco sia francese, gli italiani (e il buonsenso) dicono invece che la sommità stabilisce il confine tra i due Stati. Ma dato che il buonsenso non sempre vince nella vita, personalmente prenderei in considerazione l'eventualità di lasciare i francesi nella loro convinzione e noi nella nostra.
Supponiamo che la commissione dell'Unione Europea spari una colossale cantonata, e sancisca che la vetta del Monte Bianco sia alto savoiarda (pardon, francese).
A questo punto che facciamo?

L'Europa...

al limite potrebbe far incontrare le parti ma mai e poi mai decidere. A dire che la vetta è "italiana" è la cartografia allegata ai Trattati.

Infatti...

mi pare di aver capito che nei trattati avevano stabilito che il confine era lo spartiacque (quindi la vetta), poi un giorno un tale ha modificato una carta, il Governo italiano non si è lamentato e da quel giorno i francesi sono convinti che la vetta sia loro.
Sul Wikipedia francese c'è scritto: "Les cartes suisses de l'Office fédéral de topographie couvrent aussi ce secteur (la frontière suisse passe à moins de 20 km du sommet), et suivent la "version française" du tracé, avec les limites de communes françaises telles que sur les cartes IGN avant 1980 (sommet du mont Blanc entièrement chamoniard)".
Ma che ci azzeccano gli svizzeri? Per ripicca modifichiamo le mappe e "pappiamoci" almeno la metà del Grand Combin!

Se digiti...

"Monte Rosa" sulla ricerca qui a fianco, o clicchi qui, vedrai che anche con gli svizzeri si stanno rettificando i confini!

Disputa sulla vetta del Monte Bianco

Ieri sono andato su "Wikipedia" in versione tedesca ho fatto una ricerca su "Alpen".
Ovviamente si fa riferimento al Monte Bianco, e si cita: "Frankreich, höchster Berg ist der 4810 m hohe Mont Blanc, Italien, höchster Berg ist der Mont Blanc de Courmayeur mit 4748 m, ein Nebengipfel des Mont Blanc und die Schweiz, höchster Berg mit 4634 m ist die Dufourspitze im Monte-Rosa-Massiv der Walliser Alpen".
I tedeschi dicono che la vetta del Monte Bianco appartiene alla Francia, mentre se si va in Wikipedia versione francese e si cerca l'analoga voce "Alpes", questa affermazione non è riportata. Nella versione inglese viene riportato correttamente: "The highest mountain in the Alps is Mont Blanc, at 4,810.45 metres (15,782 ft), on the Italian–French border".
Ho provato a vedere come si fa a chiedere la correzione di una pagina di Wikipedia versione tedesca, ma non sono riuscito nell'intento. Luciano, so che tu hai i mezzi e le possibilità di segnalare questa inesattezza a chi di dovere... Ma perché i tedeschi ci devono trattare sempre come delle m...e?

Tornare

ad una discussione di luglio è dura!

So che sono fuori...

tempo massimo, ma ho saputo che da qualche mese a questa parte, i signori di Google Maps hanno inspiegabilmente modificato il profilo del confine sul Monte Bianco , avvalorando la posizione francese.
Considerando che Google Maps sta diventando un riferimento a livello internazionale, temo che questa decisione possa essere il primo passo verso una legittimazione della posizione francese a livello internazionale.

L'Italia...

dovrebbe occuparsi della questione, ma credo che alla fine dovrà farlo la Valle d'Aosta, innescando di nuovo un certo interesse per un tema che - come osservi intelligentemente - rischia di essere ormai "congelato" sull'insostenibile posizione francese.

L'Italia...

su queste cose (e su tante, tante altre) è fondamentalmente "sminchiata" (scusate il termine, ma non me ne vengono in mente altri).
Non so come funzionano queste cose, ma se "Google Maps" ha modificato i confini, ci sarà pur stata qualche pressione francese. Non vedo l'ora che di questa questione se ne occupi la Valle d'Aosta (piccola, ma dotata di ben altri attributi).
Da dove si può cominciare?

Nel 1999...

Umberto Ranieri rispondeva che «nessuno vuole trasformare questo problema in una disputa territoriale anacronistica» e che «l'ambiente dei lavori in seno alla Commissione mista è estremamente amicale ed ispirata dalla massima volontà di collaborazione reciproca».
Il problema sarà pure anacronistico e nessuno vorrà creare dispute, ma il recente cambio del confine sulla vetta del Monte Bianco da parte di "Google Maps" da qualche parte sarà pur stato sollecitato. Non è che i francesi hanno fatto i furbetti, approfittando dell'ambiente amicale e ispirato alla massima volontà di collaborazione reciproca? Secondo me questa vicenda, principalmente a livello di immagine e di prestigio, me non è una cosa da così poco conto.
Ricordo che passato ho visto in una libreria a Chamonix un libro per bambini in francese che riportava "le Mont Blanc est une montagne française, le Cervin est une montagne Suisse". Una "baby-propaganda"...

E' che tu vai...

a portare "troppi soldi" italiani in quel di Chamonix :-)
Che loro si tengano la punta del monte ed i valdostani/italiani smettano di andare a zonzo a Chamonix, specialmente passando dal tunnel, che è una rapina come tariffe.

Tenersi la punta del monte?

Neanche per sogno...
Il Monte Bianco non è solo un insieme di rocce e neve, ha una grossa valenza di immagine e di prestigio. I francesi l'hanno capito già nel 1800, al punto di chiamare il paese Chamonix Mont-Blanc, e infatti non vorrei stessero manovrando per accaparrarselo definitivamente. Una ritoccata alle mappe qui, un pizzico di propaganda là, ed ecco conquistata la vetta d'Europa.
Qualche spicciolo a Chamonix continuerò comunque a spenderlo, è una bella cittadina ed è piacevole trascorrervi qualche ora. Riguardo ai biglietti del traforo, con gli abbonamenti un po' si risparmia.

Beh, però, in fondo...

i primi a scalarselo e ad arrivare in cima sono stati "chamoniards".

Seguendo la tua logica...

l'Everest dovrebbe trovarsi in territorio neozelandese, il K2 italiano, mentre la Luna è americana e lo spazio è sovietico, anzi del regno dei cani (ricordi Laika?).
Se il confine sul Monte Bianco fosse una cosa di così poco conto, i francesi non avrebbero sentito la necessità di modificare le mappe geografiche a loro piacimento.

i francesi son strani...

"Spqf": a me onestamente pare più che altro un discorso del «io ce l'ho più lungo di te» anche se commercialmente dire che loro ce l'hanno più alto fa sempre il suo effetto.
Per quanto riguarda la Luna e lo spazio ci sono dei trattati che stipulano che non sono rivendicabili
credo che la regola sia su per giù: "se un territorio lo voglio lo dichiaro mio e se sono in grado di difenderlo con le armi è mio" ad esempio le Isole Falkland, senza tirare in ballo altri luoghi contesi più spinosi.

La storia insegna...

che i trattati valgono finché una delle parti non li rinnega...
Che i francesi pensino di averlo "più lungo" mi può stare anche bene, l'importante è che non ne facciano uso alle nostre spalle.
Immagina un turista russo, cinese o arabo che volesse vedere il Monte Bianco. Se accettassimo la versione francese, questo potenziale turista potrebbe aprire una pagina web e fare una ricerca del termine "Monte Bianco". Probabilmente apparirebbe una frase simile a "Il Monte Bianco è la maggior cima europea e il suo punto culminante si trova in territorio francese". Probabilmente si orienterà ad andare a Chamonix, piuttosto che a Courmayeur.
La linea di confine è una cosa importante. Credo che se la Valpelline avesse nel suo territorio la metà di Grand Combin, questa potrebbe beneficiare di un richiamo turistico ancora maggiore di quello di cui gode attualmente. Con i quattromila non si scherza...

Registrazione Tribunale di Aosta n.2/2018 | Direttore responsabile Mara Ghidinelli | © 2008-2021 Luciano Caveri